La scelta di una fotocamera reflex o prosumer dipende da una moltitudine di fattori: scopriamo quali considerare

Fotocamera ReflexNel mondo della fotografia moderna, la qualità d’immagine, la compattezza di un dispositivo e la sua capacità di adattarsi ad un più vasto numero di situazioni ambientali costituiscono alcuni dei punti di forza più significativi che incidono sull’acquisto finale di un fotografo professionista.

Sempre più persone si pongono la seguente domanda: è meglio scegliere una fotocamera reflex, oppure un modello prosumer? La risposta viene considerata partendo da alcune riflessioni sulle semplici fotocamere compatte, di dimensioni ridotte, con poca o nulla possibilità di personalizzazione (aggiunta di obiettivi) ma tanti automatismi e pre-impostazioni disponibili che riducono l’intervento a zero.

Se siamo fotografi apprendisti e desiderosi di mettere su foto le nostre reali capacità, dovremmo puntare su modelli dotati di molti più parametri di scatto e meccaniche intercambiabili: ed è proprio a questo punto che un buon fotografo capisce di aver bisogno di una fotocamera reflex o prosumer.

Scegliere la fotocamera giusta per noi

Le fotocamere prosumer derivano il loro nome dal fatto che si tratta di apparecchi che si collocano in via intermedia tra le classiche fotocamere commerciali (consumer) e professionali (professional). Le soluzioni tecniche e i tipi di manipolazione da esse proposte sono più varie di una semplice compatta, permettendo di intervenire su parametri di esposizione, zoom e profondità di campo.

Generalmente presentano mirini accurati e in grado di simulare i comportamenti di una reflex, sono solide nella costruzione e capaci di integrare stabilizzatore d’immagine per ottenere un risultato molto più convincente delle tipiche compatte.

Le fotocamere reflex, sempre al picco della popolarità per servizi fotografici da anni, sono apparecchi dotati di maggior stazza e peso, ma permettono l’intercambiabilità delle ottiche e sono dotate di speciali accorgimenti che le rendono spesso distinguibili in termini di professionalità.

Le reflex derivano il proprio nome dal fatto che ciò che l’obiettivo inquadra corrisponde a quanto si visualizza nel mirino grazie ad un “labirinto” di specchi e lenti che permette al fotografo di ottenere da subito una buona idea del risultato finale. Le meccaniche, completamente sostituibili con accessori di differenti brand, sono generalmente di alta qualità.

A fine verdetto, possiamo quindi considerare una macchina fotografica prosumer se vogliamo partire subito col piede giusto senza però sopportare ingombro, acquisto di materiali supplementari e soprattutto se non abbiamo ancora maturato esperienza nello scatto. Una fotocamera reflex è ben più adatta a chi vuole intraprendere il passo successivo, ben consapevole che dovrà essere pronto ad affrontare un investimento superiore in termini di ottiche e accessori.